Leggi gli altri articoli

 

Seguici sui nostri social

Mamma, Facebook ha cambiato nome per colpa tua!

Al di là della battutaccia, (ma c’è un fondo di verità) Facebook cambia nome in Meta.

In barba a tutti quelli che hanno asserito che Facebook fosse morto o stesse morendo, ma la sfumatura più precisa è che il primo social network non stia morendo ma è solo invecchiato! Infatti il padre fondatore Mark Zuckerberg ne ha annunciato con orgoglio e speranza, se possiamo definirla così, l’evoluzione

E’ chiaro ormai che l’applicazione Facebook e il suo sito continueranno a chiamarsi come li conosciamo almeno nell’immediato. Si prospetta un’eventuale rebranding che riguarderà solo la società, che attualmente come già sappiamo comprende anche WhatsApp e Instagram.

Ma perchè la scelta di questo nuovo nome? Meta! Viene da pensare che questo nuovo marchio possa evocare quelli che sono i nuovi interessi della compagnia, tra cui quello di partecipare alla realizzazione del metaverso, la nuova e vicinissima frontiera di Internet e la nuova ossessione del suo fondatore. 

L’applicazione e il sito che tutti conosciamo dovrebbero continuare a chiamarsi Facebook, almeno nell’immediato futuro. L’eventuale rebranding riguarderà solo la società, che ora comprende anche WhatsApp e Instagram.

Ma in che senso è “colpa” delle mamme?

Oggi presentarsi con il nome Facebook starebbe limitando le operazioni dell’azienda perchè non più reputato un biglietto da visita che richiama a innovazione e progresso. Oramai il brand Facebook viene percepito negativamente sia da partner che da potenziali investitori.

Come abbiamo accennato all’inizio, molti non pensano che Facebook sia ancora all’avanguardia come poteva essere difinito 15 anni fa. Facebook è inesorabilmente invecchiato, ma in che senso?

Semplicemente, Facebook è passato in mano ai cosiddetti Baby Boomer. Vengono definiti Boomer quelle persone nate tra gli anni ‘40 e gli anni ‘60 (proprio durante il boom economico) e da questo deriva il loro nome.

Adesso apostrofare qualcuno “Sei proprio un/una Boomer!” è diventato praticamente un insulto non solo per chi è nato in quegli anni ma in riferimento anche a chi semplicemente non riesce a stare al passo con i tempi (forse ci vengono in mente le nostre mamme).

Questo bacino di utenti “più maturi” ha causato una brutta reputazione al social stesso. Ecco perchè i più giovani reputano Facebook passato, superato e out. Facebook è stato il primo social network e negl’ultimi anni ha accolto sempre più quella categoria anagrafica. Inoltre con il tempo i nostri boomers sono diventati più confident nelle loro capacità e più veloci.

La facilità di utilizzo del social però si è dimostrata un’arma a doppio taglio. Adesso Facebook è associato a fake news che gli abitanti della rete non riescono a cogliere, così la facilità di condivisione favorisce la velocissima diffusione.

Ecco come a suon di click, Facebook si è giocato la reputazione!