Leggi gli altri articoli

 

Seguici sui nostri social

Imparare a comunicare per vendere

La nostra realtà aveva bisogno di una spinta qualitativa nel reparto Sales. Ci siamo resi conti che dovevamo imparare a comunicare per saper vendere e sicuramente ciò ha un valore enorme ed è importante. Abbiamo compreso che in realtà siamo tutti coinvolti e che non è possibile quindi esimerci dalla vendita. Per risolvere questa situazione abbiamo seguito un corso per imparare a comunicare per vendere dato che è diventato di vitale importanza per crescere professionalmente e con il vantaggio di avere la grande probabilità se non la quasi certezza di non commettere errori!

Se la presa di coscienza è necessaria, imparare l’arte della persuasione, lo è ancora di più. Chi vende in realtà, vende un’idea e siamo tutti alla ricerca subconscia di una storia, di vivere delle emozioni, di immedesimarci in qualcuno e provare empatia.. e quindi come webagency anche noi puntiamo a vendere emozioni come primo passo per il successo. Il corso è stato interessante e formativo (specialmente per chi non aveva mai svolto un lavoro di vendita).

Adesso tutti siamo chiamati in causa e tutti ci occupiamo di consulenza e vendita anche se alcuni di noi fino a qualche tempo fa non si ritenevano tagliati per la vendita e quindi erano restii ad occuparsi di vendita diretta e seguire personalmente alcuni clienti.

Come webagency riconosciamo di vendere idee (o meglio dal latino “dare forma”) cioè in-formiamo delle idee.

Comunicare per vendere: prime basi

La diffidenza verso chi vende è aumentata in modo esponenziale, ma prima di tutto riconosciamo di essere consumatori, e ogni volta che entriamo in un negozio il commesso già sappiamo che ci avvicinerà per prestarci la sua consulenza non richiesta per venderci, o quando rispondiamo al telefono, 7 volte su 10 già sappiamo che sarà qualcuno che vuole venderci qualcosa e per questo motivo siamo diventati tutti esperti nell’evitare situazioni volte a spingerci all’acquisto.

Inoltre, riuscire nella vendita non è prerogativa di chi è portato, ha talenti personali, ha il savoir faire o la “personalità da venditore”, nè dipende da ciò che si propone e si vuole vendere che sia un prodotto oppure un servizio.

E’ ragionevole che avere una personalità avvicinabile e un bel sorriso possono aiutare, attrarre e saper mettere a proprio agio chiunque ha la sua importanza, ma è altrettanto vero che la capacità commerciale si può sviluppare e potenziare se accompagnata da tecniche di persuasione e motivazione ben calibrate per aumentare le possibilità di successo di ogni colloquio conoscitivo e non.

Comunicare per vendere: gestire l’ansia da vendita

Una riflessione: quante volte ci esprimiamo nella vita quotidiana al condizionale?

Quante volte diciamo “vorrei.. farei..” oppure indichiamo una nostra intenzione con il verbo al passato “volevo dirti.. pensavo a..”. E’ normale, è la nostra comunicazione naturale e spontanea, ma nella vendita è diverso, deve essere diverso. Il condizionale non porta al risultato. Riconoscere che in quell’attività non sto mettendo il mio 100% non mi farà impiegare tutto l’impegno necessario. Il condizionale non porta al risultato.

La vendita va studiata e tutto il processo inizia da molto prima di fare la telefonata o l’incontro su Zoom. L’ansia da vendita si gestisce per così dire già quando l’intenzione è ancora in fase embrionale. Come?

Trasformiamo i nostri “Vorrei..” in “Voglio”. I nostri “Farei” in “Lo voglio, quindi lo faccio e quindi sarà così”. Ma che dire se non sentiamo quella spinta dovuta dalla forza di volontà se scarseggia?

Pensa a come sarai soddisfatto dopo averlo fatto!